Logo_Interreg_GATE
Soci Fondatori

Eventi | Musei in rete

MDU_Save the Date 081019 Formazione
8 ottobre 2019

Paesaggio geologico, paesaggio vissuto e paesaggio interpretato saranno i tre filoni tematici sui quali si confronteranno gli operatori museali il prossimo martedì 8 ottobre 2019 al Museo Etnografico della Provincia di Belluno, nel secondo appuntamento del progetto “Musei delle Dolomiti”.

Scarica qui il programma della giornata formativa Musei delle Dolomiti

Le ragioni del progetto

Musei geologici, etnografici, musei d’arte e di scienza, ognuno la tessera di un mosaico più grande: quello che compone la storia, la cultura e il paesaggio delle Dolomiti UNESCO. Un Patrimonio che gli strumenti e le strategie digitali possono aiutare a rendere più vicino, più vitale e più partecipato, sia per i residenti e i visitatori, che per gli utenti del web. Questo è l’orizzonte di Musei delle Dolomiti, il nuovo progetto della Fondazione Dolomiti UNESCO.

Il progetto è realizzato con il contributo del Fondo Comuni confinanti nell’ambito del progetto “Valorizzazione del territorio attraverso azioni di gestione e comunicazione integrata del WHS Dolomiti UNESCO”. Ecco le domande fondamentali alle quali una serie di incontri, interviste con i rappresentanti museali, tavoli partecipativi e workshop risponderanno nel primo anno del progetto al fine di sviluppare una strategia di rete da implementare in quelli successivi: Quali pratiche i musei del territorio dolomitico possono sviluppare per promuovere, in rete, la ricchezza del patrimonio Dolomiti UNESCO? Quali sinergie possono attivare per diffondere i loro patrimoni attraverso il web e i social network? Quale ruolo possono conquistare le comunità territoriali in questo racconto collettivo?

Il progetto riprende una proposta lanciata dal Museo Etnografico della Provincia di Belluno nel 2012 all’Expo Dolomiti di Longarone, nel convegno Verso una Rete dei Musei delle Dolomiti. In quell’occasione, erano state messe a confronto diverse esperienze di reti museali le cui aree ricadono nel territorio delle Dolomiti. Oggi le stesse reti sono state chiamate a confrontarsi su un tema comune: le nuove opportunità del digitale per dialogare e coinvolgere i pubblici.

In concreto…

Il progetto ha preso in via a febbraio 2019 e ha visto un primo appuntamento il 7 Giugno con un workshop che ha coinvolto gli operatori museali. Martedì 8 ottobre si terrà il secondo di un serie di incontri che proseguiranno fino a giugno 2020. Il filo conduttore degli appuntamenti è l’utilizzo del digitale come volano per diffondere la ricchezza dei musei al di fuori dei propri confini fisici e geografici, e attivare nuove reti e sinergie tra gli attori culturali del territorio.

Il progetto, infatti, parte dalla consapevolezza che la rivoluzione dell’era digitale ha completamente modificato il modo in cui i musei sviluppano la propria offerta culturale e interagiscono con il pubblico, introducendo nuove opportunità e nuove sfide. Gli strumenti, le strategie e le nuove filosofie digitali possono rendere il patrimonio dolomitico più vicino, più vitale e più partecipato per i residenti, i visitatori e anche per gli utenti del web.

I tre enti capofila, ognuno rappresentativo di uno dei tre paesaggi tematici invidiati dal progetto (paesaggio vissuto, paesaggio geologico, paesaggio interpretato) sono: il Museo Etnografico della Provincia di Belluno, il MUSE – Museo delle Scienze di Trento e Dolomiti Contemporanee. A questi si aggiunge il museo virtuale del paesaggio DOLOM.IT, che offrirà un esempio di museo che ha accolto i principi delle piattaforme online – partecipazione e co-creazione – all’interno della sua offerta museale.

Strategie comuni

Lo sviluppo della curatela digitale e del coinvolgimento delle comunità sarà esattamente il tema sul quale si confronteranno gli operatori museali il prossimo martedì 8 ottobre 2019 al Museo Etnografico della Provincia di Belluno. In particolare verranno approfonditi i tre filoni tematici individuati dal progetto per riunire i diversi musei attorno a delle aree tematiche comuni: il paesaggio geologico, il paesaggio vissuto, il paesaggio interpretato.

Moltissimi Musei delle Dolomiti possono rappresentare uno di questi ambiti, ma ognuno può trarre vantaggio della collezione di un altro museo per arricchire il racconto della propria. È questa consapevolezza a rappresentare il nocciolo del progetto Musei delle Dolomiti: mettere in risalto, attraverso il web e il digitale, ciò che unisce anche i Musei più lontani e far scoprire la bellezza e l’efficacia di un racconto corale di un patrimonio unico e comune: le nostre Dolomiti UNESCO.

 

A02_MarchioFCC_RGBQuesta attività è inserita nel progetto “Valorizzazione del territorio attraverso azioni di gestione e comunicazione integrata del WHS Dolomiti UNESCO”, realizzato con il contributo del Fondo Comuni confinanti.

X
Questo sito usa i cookie per offrirti la migliore esperienza possibile. Procedendo con la navigazione sul sito, accetti implicitamente l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo.
Informativa sull'utilizzo dei cookie Accetto