Logo_Interreg_GATE
Soci Fondatori

Vulcani, atolli e mare profondo

Circa 233-232 milioni di anni fa – Ladinico superiore

La quiete di questo arcipelago viene interrotta da un’intensa attività vulcanica. Prima in condizioni subacquee, poi anche in condizioni subaeree, grosse quantità di lave e prodotti vulcanici vengono riversati sui fianchi delle isole e sui fondali del mare dolomitico.

La relativa tranquillità del mare triassico della Tetide dolomitica viene sconvolta dall’attività vulcanica. Dalle viscere della terra cominciano a risalire materiali magmatici che riescono a farsi strada nella crosta. Nella regione dolomitica (zona Predazzo-Monzoni) nasce e cresce un grosso complesso vulcanico. La sua attività riversa polveri, lave e tufi nel mare, spesso creando disturbi alle comunità di organismi che costruivano le isole. Alcune di queste vengono in parte ricoperte dai prodotti vulcanici, altre risultano letteralmente spezzate dalla risalita dei magmi o parzialmente distrutte dai terremoti connessi all’attività vulcanica. L’eccezionalità e la complessità del mare tropicale dolomitico aumenta.

Dolomiti Project

Le rocce di questa età

 

< Indietro
> Avanti

X
Questo sito usa i cookie per offrirti la migliore esperienza possibile. Procedendo con la navigazione sul sito, accetti implicitamente l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo.
Informativa sull'utilizzo dei cookie Accetto