Soci Fondatori

Attività | La Carta di Cortina per la sostenibilità degli sport invernali

Ministro Galletti Carta di Cortina Dolomites UNESCO World Heritage
18 Dicembre 2015

Domenica 24 gennaio il Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti ha presentato la “Carta di Cortina” per la sostenibilità degli sport invernali, redatta con la collaborazione della Fondazione Dolomiti UNESCO.

Alla presenza del Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, il Sindaco del comune di Cortina d’Ampezzo, Andrea Franceschi insieme a Claudio Pedrotti, Presidente della provincia di Pordenone per la Fondazione Dolomiti UNESCO, Flavio Roda, Presidente FISI; Valeria Ghezzi, Presidente ANEF; Andrea Segrè, Fondatore di Last Minute Market e Presidente del Comitato per lo sviluppo del Programma nazionale di prevenzione dei rifiuti (Ministero dell’Ambiente), Veronica Nicotra, Segretario generale ANCI, e Giovanni Malagò Presidente CONI hanno sancito l’impegno alla tutela del territorio, in occasione degli eventi sportivi invernali e in vista dei Mondiali 2021, ratificato ne la Carta di Cortina.

Consapevoli che gli sport invernali sono un settore chiave nell’economia di molte località alpine, hanno riconosciuto il loro impatto sul territorio che deve e dovrà essere attentamente valutato, soprattutto in contesti d’eccezionale valore ambientale e paesaggistico come le Dolomiti Patrimonio dell’Umanità.
L’amministrazione locale di Cortina e gli operatori del settore degli sport invernali, insieme al Ministero dell’Ambiente e alla Fondazione Dolomiti UNESCO lavoreranno in sinergia con l’obiettivo di individuare quelle strategie che coniughino la sostenibilità economica con quella ambientale, secondo la Carta di Cortina, promuovendo un turismo sostenibile in un territorio d’eccezionale valore universale, iscritto nella Lista del Patrimonio Mondiale.

L’auspicio è quindi – ha affermato Claudio Pedrotti nel suo intervento – che l’impegno definito con la Carta di Cortina ci permetta di intraprendere un adeguato percorso di partecipazione che coinvolga non solo le istituzioni ma tutti i portatori d’interesse attivi sul territorio. Lo scopo comune è sviluppare politiche attente alle specificità dei territori montani e dare attuazione a misure relative allo sviluppo sostenibile, alla protezione dell’ambiente e alla valorizzazione del territorio che ci permetteranno di sviluppare una maggiore consapevolezza e trasmettere alle generazioni future un patrimonio integro e correttamente conservato.

La Carta di Cortina è un importante impegno per la Fondazione Dolomiti UNESCO, attiva anche a livello internazionale per individuare strategie che coniughino la sostenibilità economica con quella ambientale, promuovendo un turismo sostenibile in un territorio d’eccezionale valore universale, iscritto nella Lista del Patrimonio Mondiale. Un fondamentale passo in avanti anche nell’attuazione della Strategia Complessiva di gestione, sviluppata grazie al contributo di chi abita le Dolomiti.

Per leggere la “Carta di Cortina” cliccare qui

 

Tutte le news correlate:

Schermata 2016-02-22 alle 10.47.23

news_GallettiINfondazione

 

Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte2

cm_cookie_dolomiti-patrimonio-mondiale-unesco

_icl_current_language

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore