Gründungsmitglieder

Geschehen | Progettare in quota | uscita

progettare-in-alta-quota Bildung
4 juni 2022

COME PROGETTARE RIFUGI E BIVACCHI
Esperti e rifugisti insieme per ripensare l’architettura in alta quota

Come si progetta un rifugio o un bivacco? Come lo si integra con il fragile ambiente circostante? Come si uniscono esigenze funzionali e attenzione alla sostenibilità? Sono solo alcune delle domande che in questi anni sono uscite dal dibattito specialistico per entrare in quello più ampio dell’opinione pubblica. In gioco ci sono infatti molti aspetti: dalla cultura montana fino ai modelli di fruizione del territorio e alla necessità di una conservazione attiva del paesaggio d’alta quota.

Per riflettere su quali sono i valori che guidano il futuro di queste strutture, attraverso un confronto tra tutti i protagonisti e gli interessati a un tema centrale per le nostre montagne, l’Ordine degli Architetti della provincia aut. di Trento, insieme al Circolo Trentino per l’Architettura Contemporanea e grazie alla collaborazione di Fondazione Dolomiti UNESCO, Trentino Marketing e Associazione Rifugi Trentini, ha programmato tre giornate di studio e un laboratorio di due giorni: «Progettare in alta quota – L’architettura di rifugi e bivacchi». Numerosi gli enti che patrocinano l’iniziativa, tra cui la SAT- Società Alpinisti Tridentini. Il coordinamento scientifico è curato dal Politecnico di Torino – Istituto di Architettura Montana e gli incontri (validi per i cfp degli architetti) si svolgeranno il 29 aprile, il 13 e il 20 maggio nella sede SAT a Trento, mentre il Laboratorio in alta quota sarà articolato su due giornate: il 4 e 5 giugno in località Gardeccia (Val di Fassa) con pernottamento al rifugio Stella Alpina. I posti a disposizione sono 30. Per informazioni e iscrizioni vista il sito web dell’Ordine degli Architetti della provincia aut. di Trento.

«Il rifugio per le nostre montagne ha un grande valore», afferma il presidente dell’Ordine degli Architetti di Trento, Marco Giovanazzi, «progettarlo significa tenere insieme il suo valore simbolico, la gestione quotidiana e le questioni ambientali, ormai inderogabili. D’altra parte è necessario riaffermare una nostra specificità in materia: il Trentino ha una sua cultura del costruire in quota e non possiamo semplicemente guardare ad altri modelli e copiarli. L’Ordine degli Architetti crede fermamente nel valore del progetto come sintesi delle tematiche in campo e propone a tutti di avviare un dialogo che vada oltre le polarizzazioni che troppo spesso si sono delineate».

«Da come progettiamo un rifugio o un suo ampliamento, si capisce dove vogliamo andare, quale futuro immaginiamo per il turismo montano e per la frequentazione dell’alta quota, tanto più se le aree interessate sono state riconosciute Patrimonio Mondiale», commenta il presidente della Fondazione Dolomiti UNESCO Mario Tonina. «I gestori stessi, con cui collaboriamo da anni, non smettono di interrogarsi su come conciliare le esigenze funzionali al senso del limite. Un limite che la pressione turistica tende a spingere sempre un po’ più in là ma che la natura stessa dei luoghi e lo scopo delle strutture impongono di rispettare. Per questo la Fondazione non poteva che condividere la riflessione avviata dall’Ordine degli Architetti».

«Per noi gestori si tratta di un’occasione straordinaria» conferma la presidente dell’Associazione Rifugi del Trentino Roberta Silva, che spiega: «Da un lato condividiamo l’esigenza di discutere insieme sul modo migliore per inserire i rifugi nel fragile contesto ambientale che vogliamo custodire. Dall’altro c’è un’esigenza concreta, ovvero creare una sinergia più consapevole tra progettisti, costruttori, proprietari, gestori e istituzioni. Spesso ci troviamo a chiedere interventi indispensabili per evitare di chiudere la struttura per l’intera stagione; sapere di operare nella giusta direzione ridurrebbe le variabili che possono tenere l’attività bloccata per mesi, privando la montagna di un presidio indispensabile».

«Soprattutto in questi ultimi anni, è diventata ancora più evidente la necessità di coordinarsi tra proprietari, gestori, progettisti – sottolinea Anna Facchini, Presidente SAT – allorché si decida di avviare lavori consistenti di ristrutturazione, risanamento o ampliamento delle strutture alpine. Quindi patrociniamo ben volentieri queste iniziative di formazione e di approfondimento. È con questa consapevolezza sull’opportunità di una nuova modalità di interazione che dal 2021 abbiamo deliberato di ricorrere a concorsi di progettazione per specifici casi di risanamento o ristrutturazione dei rifugi. I primi due casi sono il rifugio Pedrotti-Tosa in Brenta e il rifugio Ciampedié in Catinaccio per i quali è in corso la predisposizione dei bandi di concorsi di progettazione».

Per informazioni e iscrizioni vista il sito web dell’Ordine degli Architetti della provincia aut. di Trento. Il programma dettagliato dell’iniziativa è disponibile qui.

Schließen

Navigationserleben nach Ihren Wünschen

Diese Website verwendet technische Cookies und, nach Einholung Ihrer Zustimmung, Analyse- und Marketing-Cookies von Erst- und Drittanbietern. Schließen Sie das Banner, bleiben die Einstellungen erhalten und Ihre Navigation wird fortgesetzt. Es werden in diesem Fall nur technische Cookies eingesetzt. Ihre Zustimmung zur Verwendung anderer als technischer Cookies ist fakultativ und kann jederzeit widerrufen werden, indem Sie Ihre Cookie-Einstellungen konfigurieren. Wenn Sie mehr über die einzelnen Arten von Cookies erfahren möchten, bitten wir Sie, unsere Cookie-Richtlinien aufzurufen und zu lesen.

Verwendete Cookies

Es folgt die Auflistung aller Cookies, die auf unsere Website zum Einsatz kommen.

Technisch erforderliche Cookies

Die notwendigen technischen Cookies können nicht deaktiviert werden, da die Website ohne sie nicht richtig funktionieren würde. Die Website verwendet Erstanbieter-, Sitzungs- und dauerhafte Cookies, um Ihnen unsere Dienste zur Verfügung zu stellen. Diese helfen, grundlegende Funktionen wie die Seitennavigation, die bevorzugte Sprache oder den Zugang zu geschützten Bereichen der Website zu ermöglichen. Die Website verwendet auch Analyse-Cookies von Google Analytics, um Informationen darüber zu sammeln, wie die Nutzer die Website nutzen (Anzahl der Besucher, besuchte Seiten, Verweildauer auf der Website usw.). Die IP-Adressen der Nutzer werden anonym erfasst und verarbeitet, und die Einstellungen des Dienstes sehen keine Weitergabe der Daten an Google vor. Weitere Einzelheiten und Informationen finden Sie auf der Seite des Anbieters https://support.google.com/analytics/answer/1011397. In jedem Fall können Sie die Cookies von Google Analytics deaktivieren, indem Sie ein spezielles Browser-Plug-in herunterladen, das hier erhältlich ist: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout.

Erstanbieter2

cm_cookie_dolomiti-patrimonio-mondiale-unesco

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Erfahren Sie mehr über diesen Anbieter

Google3

_gat_

_gid

_ga

Erfahren Sie mehr über diesen Anbieter