Soci Fondatori

News | Le Dolomiti in tasca

World Heritage
26 Luglio 2018

Il tempo dei bilanci lo rimandiamo al prossimo anno, quando ricorrerà il decimo anniversario dell’iscrizione delle Dolomiti nell’elenco dei siti riconosciuti dall’UNESCO. Una cosa però è certa: molta strada è stata fatta, grazie a tutti coloro che quotidianamente si impegnano per valorizzare quella che poteva anche rimanere una semplice medaglia da appuntare al petto. Se così non è stato è perché è stata elaborata una Strategia di Gestione del Bene, si sono attivate reti e collaborazioni, sono stati sviluppati progetti e iniziative in tutte le cinque province.

Un’agile guida per capire “perché”

Ma per raggiungere una vera, diffusa e radicata consapevolezza tra la popolazione bisogna ancora insistere, anche attraverso nuovi strumenti. Ecco perché nei rifugi, nelle Aziende di Promozione Turistica, nei musei, in tutte le strutture che fanno da interfaccia con turisti e residenti, viene ora distribuito in ben 35 mila copie (e a un prezzo simbolico) un tascabile dal contenuto semplice e diretto: le ragioni dell’iscrizione nella lista del Patrimonio Mondiale, ciò che comporta in termini di responsabilità da parte della amministrazioni (che della conservazione attiva del Bene non devono più rispondere solo ai propri cittadini, ma al mondo intero), i valori che rendono uniche le Dolomiti e i motivi per i quali sono state considerate un “Bene seriale”, ovvero un insieme unitario ma articolato e complesso.

I nove sistemi e il ruolo della Fondazione

Il tascabile passa in rapida rassegna ognuno dei 9 sistemi dolomitici in cui è articolato il Bene unico: Pelmo-Croda da Lago, Marmolada, Pale di San Martino-San Lucano-Dolomiti Bellunesi-Vette Feltrine, Dolomiti Friulane e d’Oltre Piave, Dolomiti settentrionali, Puez-Odle, Sciliar-Catinaccio-Latemar, Bletterbach, Dolomiti di Brenta.

Infine il ruolo della Fondazione Dolomiti UNESCO, costituita il 13 maggio 2010 dalle cinque Province (Belluno, Bolzano, Pordenone, Trento, Udine) e dalle due Regioni (Friuli Venezia Giulia e Veneto) per “garantire una gestione efficace e coordinata delle Dolomiti Patrimonio dell’Umanità, facendo seguito ad uno specifico impegno preso nei confronti dell’UNESCO”. Già, perché è bene ricordare che la responsabilità della conservazione attiva del Bene sta in campo non solo alle singole amministrazioni, ma all’insieme delle comunità dolomitiche e dei loro rappresentanti. Considerando le differenze linguistiche, economiche e amministrative risulta evidente, quindi, che quella della Fondazione è prima di tutto una sfida culturale.

L’opuscolo diventa quindi un’occasione per ricordare a tutti, come si suol dire, “chi siamo e dove stiamo andando”, perché il riconoscimento UNESCO non è stato un punto di arrivo, ma un punto di partenza.

A02_MarchioFCC_RGBQuesta attività è inserita nel progetto “Valorizzazione del territorio attraverso azioni di gestione e comunicazione integrata del WHS Dolomiti UNESCO”, realizzato con il contributo del Fondo Comuni confinanti.

Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Il Sito utilizza cookie di prima parte, di sessione e persistenti, per fornirti i nostri servizi. Questi contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Il Sito utilizza inoltre cookie analitici di terza parte di Google Analytics per raccogliere informazioni sull’utilizzo del Sito da parte degli utenti (numero di visitatori, pagine visitate, tempo di permanenza sul sito ecc.). Gli indirizzi IP degli utenti sono raccolti e trattati in forma anonima e le impostazioni del servizio non prevedono la condivisione dei dati con Google. Per maggiori dettagli e informazioni è possibile visitare la pagina del fornitore https://support.google.com/analytics/answer/1011397. Puoi disabilitare in ogni caso i cookie di Google Analytics scaricando uno specifico plug-in del browser reperibile qui: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout.

Prima parte2

cm_cookie_dolomiti-patrimonio-mondiale-unesco

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore