Soci Fondatori

News | Above the tree line… Moreness – A monograph on the state of being more

World Heritage
20 Febbraio 2020

Above the tree line
Moreness – A monograph on the state of being more
di Anna Quinz

franzLAB è l’agenzia di comunicazione e casa editrice altoatesina che ho fondato insieme a Kunigunde Weissenegger 10 anni fa. Da sempre, la filosofia che connota il nostro lavoro di ricerca e narrazione è condensata nel concetto more than apples and cows: una modalità di lettura e narrazione del territorio montano, ma anche un modo di essere, guardare e appartenere a questi luoghi, al di là dagli stereotipi che spesso ne caratterizzano l’immaginario. Per rafforzare questa visione, per investigare, esplicitare, amplificare e sostantivare la nostra idea di “more”, abbiamo ideato un nuovo progetto editoriale, un ibrido tra magazine e libro intitolato Moreness, termine inglese che, letteralmente, significa “the state of being more”.

Moreness è organizzato in trilogie e abbiamo scelto di dedicare i primi tre volumi al tema che più ci sta a cuore: le montagne dolomitiche. La prima monografia (pubblicata a fine 2019), Above the tree line, è il nostro tentativo – certamente non risolto – di scalare i punti più alti di questi ecosistemi, oltre la linea degli alberi. Lo abbiamo fatto sfidando le pareti nord e le crode del pensiero, superando le gole scavate dalle erosioni e dagli interrogativi, oltrepassando i valichi tra discipline e utilizzando gli strumenti intellettuali di cui disponiamo.

Nel succedersi delle pagine da sfogliare e leggere riprendendo – come anche la montagna chiede – un tempo lento di attenzione e riflessione, il biologo marino Daniel Depellegrin si interroga sulle interazioni che intercorrono tra le Dolomiti e il mare; il filosofo Paolo Costa riflette sul legame tra monti e futuro; Maria Oberrauch analizza l’oggetto zaino, come simbolo dell’ascesa; Antonio De Rossi, direttore dell’Istituto di Architettura Montana del Politecnico di Torino e Laura Mascino, docente di Progettazione urbanistica al Politecnico di Milano, salgono tra bivacchi e rifugi per descrivere l’architettura dell’accoglienza; l’architetto Marco Ferrari applica invece lo sguardo architettonico a una nuova interpretazione delle fortificazioni della Grande Guerra; Verena Pliger presenta le eccellenze dell’industria altoatesina di montagna; Claudio Larcher, direttore di NABA Design propone una panoramica enciclopedica sul design “in altezza”; Kunigunde Weissenegger esplora l’idea di “cucina di montagna” sviluppata dallo chef tristellato Norbert Niederkofler; Maria Quinz raccoglie alcuni appunti sulle interpretazioni cinematografiche dei monti; Sigrid Hechensteiner e Barbara Baumgartner di Eurac Research raccontano lo status quo delle ricerche a tema montano dell’istituto di ricerca bolzanino; l’ideatore di Dolomiti Contemporanee Gianluca D’Incà Levis spiega, dall’interno, il suo progetto di rigenerazione; il curatore Andreas Hapkemyer indaga le relazioni tra cime e arte contemporanea; io, infine, racconto il processo di costruzione dell’immaginario montano, tra stereotipo e realtà.

Accompagnano i testi – dando ritmo e pienezza alla pubblicazione, curata graficamente dallo studio typeklang – le immagini dei fotografi e artisti Leonhard Angerer, Daniela Brugger, Niccolò Biddau, Martin Kippenberger, Hubert Kostner, Philipp Messner, Walter Niedermayr, Marco Pietracupa, Mirko Piffer, Michael Pitts, Mario Tomè, Gustav Willeit. Infine, una photo story mostra alcuni dei progetti di land-art creati da artisti internazionali all’interno della piattaforma SMACH.

Dentro Moreness – Above the Tree Line si susseguono dunque le osservazioni e le riflessioni di una cordata di pensatori arditi che, ciascuno col proprio linguaggio, non mettono bandiere sulle cime ma piuttosto continuano a salire, esplorare, porre domande. A se stessi, alla montagna, ma anche a tutti noi che – tra disincanto e incanto – continuiamo a vivere, visitare e amare i Monti Pallidi. Entità leggendarie tutt’altro che immobili, capaci di influenzare in molti modi diversi, la contemporaneità.

Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Il Sito utilizza cookie di prima parte, di sessione e persistenti, per fornirti i nostri servizi. Questi contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Il Sito utilizza inoltre cookie analitici di terza parte di Google Analytics per raccogliere informazioni sull’utilizzo del Sito da parte degli utenti (numero di visitatori, pagine visitate, tempo di permanenza sul sito ecc.). Gli indirizzi IP degli utenti sono raccolti e trattati in forma anonima e le impostazioni del servizio non prevedono la condivisione dei dati con Google. Per maggiori dettagli e informazioni è possibile visitare la pagina del fornitore https://support.google.com/analytics/answer/1011397. Puoi disabilitare in ogni caso i cookie di Google Analytics scaricando uno specifico plug-in del browser reperibile qui: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout.

Prima parte2

cm_cookie_dolomiti-patrimonio-mondiale-unesco

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore