Soci Fondatori

News | I musei delle Dolomiti non si fermano e fanno rete: un successo per la prima campagna #DolomitesMuseum

World Heritage
27 Aprile 2020

Siamo giunti alla conclusione della campagna #DolomitesMuseum che ci ha accompagnato per sette settimane da Carnevale a Pasqua. Una campagna social di successo per le Dolomiti UNESCO e i suoi musei che ci ha lasciato niente meno che sette mappe tematiche, 300 storie e 500 risorse digitali! Ma questi non sono solo numeri, sono storie, racconti, testimonianze che hanno contribuito ad arricchire, giorno dopo giorno, il bagaglio culturale di ognuno di noi. Sono nuovo patrimonio culturale, tanto fragile quanto prezioso. E saranno i #DolomitesMuseum a prendersene cura nelle prossime settimane… Perché è in arrivo la prima mostra virtuale dedicata alle Dolomiti UNESCO, che ci fa viaggiare da un museo all’altro, da una vallata all’altra, alla scoperta di un patrimonio unico al mondo!

“Questa è la prova – spiega il presidente della Fondazione Dolomiti UNESCO Mario Tonina – che mettersi in rete attraverso il digitale non moltiplica solo la visibilità dei musei, ma anche la loro capacità di coinvolgere i visitatori online e di partecipare, assieme ad altre realtà culturali, alla narrazione del patrimonio dolomitico. Questo progetto è nato prima dell’emergenza Coronavirus, ma è riuscito ad offrire una bellissima risposta alla campagna #iorestoacasa promossa dal MIBACT. Il valore dell’iniziativa e la qualità dei contributi hanno portato la nostra campagna ad essere elencata tra le le iniziative online dell’International Council of Museums (ICOM) – sezione Italia.”

Anche nelle Dolomiti #laCulturaNonsiFerma e contribuisce all’appello #ioRestoaCasa, permettendoci di scoprire il patrimonio attraverso i canali digitali. Le settimane difficili che stiamo vivendo hanno spinto i musei di tutta Italia a sperimentare nuovi modi per condividere le proprie collezioni in rete. I musei delle Dolomiti, grazie alla campagna #DolomitesMuseum, sono tra i più attivi sul Web. Il racconto diffuso promosso dal progetto ‘Musei delle Dolomiti’ della Fondazione Dolomiti UNESCO ha raccolto, in sette settimane, 300 storie e 500 risorse digitali provenienti da tutti i territori che condividono le Dolomiti Patrimonio Mondiale UNESCO. Oltre ai musei, enti culturali e parchi naturali – per un totale di 30 istituzioni – hanno partecipando al racconto diffuso anche molti utenti della rete che hanno condiviso le proprie testimonianze sui temi della campagna.

Il racconto inizia sui canali social dei musei dolomitici e della Fondazione Dolomiti UNESCO per poi venire riproposto dal museo virtuale DOLOM.IT all’interno di gallerie tematiche e mappe interattive, che raccolgono tutti i contributi. Da fotografie e immagini d’epoca a brevi video che mostrano gli oggetti dei musei in funzione, da testimonianze contemporanee degli abitanti delle Dolomiti fino a suggerimenti di itinerari che ci raccontano come il patrimonio sia diffuso sul territorio: la varietà dei contenuti e delle proposte che la campagna #DolomitesMuseum ha stimolando è davvero ricchissima e dimostra la grande vitalità della comunità museale dolomitica.

Scopri le sette tappe della
campagna social #DolomitesMuseum

#mountainrites: alla scoperta delle tradizioni montane

tradizioni che si tramandano di generazione in generazione, riti sacri e profani, figure mitiche e leggendarie che ci raccontano di un immaginario che evolve e si trasforma. In questo viaggio nel tempo e nello spazio, scoprirete una delle caratteristiche fondamentali di tutti i riti: la loro capacità di mutare nel tempo, di trasferirsi da un luogo all’altro portando con sé elementi di altre culture.

#inclinedliving: alla scoperta della vita in pendenza

#inclinedliving ci porta alla scoperta di come la pendenza, come accade a molti ostacoli, sia stata nello stesso tempo un motore di nuove invenzioni, di soluzioni innovative, e opportunità. Dagli strumenti per adattarsi alle condizioni in alta quota alle attività economiche legate agli sport, i musei ci ricordano una caratteristica importante delle genti di montagna: la resistenza alla fatica e la capacità di trovare soluzioni agli ostacoli; una qualità molto importante soprattutto nei momenti più difficili come quello che stiamo vivendo ora.

#handsinstone: alla scoperta della geologia

#handsinstone ci rivela l’incredibile dinamismo di un elemento apparentemente inerte come la roccia. Nelle mani dell’uomo, essa ha assunto diversi significati e funzioni: è stata lo scrigno per numerose scoperte scientifiche e archeologiche e continua ad essere risorsa economica, elemento primario dell’architettura di montagna e materia creativa per l’arte che ci aiuta a riflettere sulla contemporaneità.

#beyondthepass: oltre il passo

un passo dopo l’altro #beyondthepass ci fa scoprire la vera natura dei confini: ciò che divide, può nello stesso tempo unire. Qualsiasi barriera, fisica o mentale, può diventare anche un luogo di passaggio, un limite da oltrepassare per scoprire altri orizzonti, altri luoghi e altre culture.

#sportsculture: alla scoperta della cultura sportiva

da una vallata all’altra, scoprirete che la cultura sportiva in montagna è, prima di tutto, un modo di pensare e di vivere fondato sulla collaborazione, sul rispetto delle persone e dell’ambiente circostante. Una cultura che spinge a superare i propri limiti e ad aiutarsi con coraggio nell’affrontare le piccole e grandi sfide della vita.

#differentimes: alla scoperta dei tempi che cambiano

navigando nella mappa, scoprirete che, al cambiare della nostra percezione del tempo, cambia anche il rapporto con l’ambiente in cui viviamo. I nuovi ritmi che stiamo vivendo, per la famiglia e per il lavoro, ci rendono più recettivi ad accogliere i tempi diversi delle Dolomiti, perché tutti noi stiamo facendo esperienza di quanti #differentimes possono scandire le nostre giornate di quarantena.

#dolomiteschange: le Dolomiti che vorrei

sono tanti i desideri di futuro raccolti dall’hashtag #dolomiteschange: la battaglia contro lo spopolamento, la valorizzazione dei giovani e delle loro vocazioni, lo sviluppo di un turismo lento e sostenibile, la conservazione del patrimonio ambientale e faunistico, lo sfruttamento oculato delle risorse del territorio e un confronto in amicizia e sinergia delle comunità montane lungo l’intero arco dolomitico.

Musei delle Dolomiti: un grande rete di Bellezza
scopri di più sul progetto

La campagna social #DolomitesMuseum si sviluppa all’interno del progetto “Musei delle Dolomiti” avviato nel 2019 dalla Fondazione Dolomiti UNESCO con lo scopo di studiare e sperimentare attività in ‘rete’ tra i diversi Musei che racchiudono una parte del Patrimonio delle Dolomiti. Il digitale gioca un ruolo centrale in questa sinergia, perché permette ai singoli musei e attori culturali di unire le proprie collezioni all’interno di un racconto corale. Il Patrimonio UNESCO diventa così ancora più ricco e accessibile per residenti e visitatori. Musei etnografici, geologici, musei d’arte e di scienza, ciascuno la tessera di un mosaico più grande: la storia, la cultura e il paesaggio delle Dolomiti UNESCO. Un Patrimonio che gli strumenti, le strategie e le nuove filosofie digitali possono rendere più vicino, più vitale e più partecipato, sia per i residenti e i visitatori, che per gli utenti del web.

X
Questo sito usa i cookie per offrirti la migliore esperienza possibile. Procedendo con la navigazione sul sito, accetti implicitamente l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo.
Informativa sull'utilizzo dei cookie Accetto