Soci Fondatori

News | Musei delle Dolomiti: il secondo appuntamento a Seravella l’8 ottobre

Ricerca e Formazione
3 Ottobre 2019

Martedí 8 ottobre appuntamento al Museo Etnografico di Seravella alle 10:00 per una giornata dedicata al coinvolgimento delle comunità nella promozione del patrimonio museale dolomitico. Si tratta del secondo appuntamento del progetto “Musei delle Dolomiti” della Fondazione Dolomiti UNESCO e rivolto agli operatori dei musei dolomitici. Tre i filoni tematici: paesaggio geologico, paesaggio vissuto e paesaggio interpretato. Il web può cambiare il modo di fare cultura ed ispirare i musei a lavorare in rete.

Scarica qui il programma della giornata formativa Musei delle Dolomiti

Dalle 10 alle 17, al Museo Etnografico della Provincia di Belluno (Via Seravella, 1 – Cesiomaggiore), il secondo appuntamento con i ‘Musei delle Dolomiti’, il nuovo progetto della Fondazione Dolomiti UNESCO porterà gli operatori museali a confrontarsi su come il digitale può cambiare il racconto delle Dolomiti UNESCO, offrendo nuovi strumenti ai Musei e una nuova visione di un patrimonio corale da promuovere assieme e “in rete”.

Ciascun museo può collegare la propria collezione a quella degli altri, arricchendo la scoperta del patrimonio comune. È questa consapevolezza a rappresentare il nocciolo del progetto Musei delle Dolomiti: mettere in risalto, anche attraverso il web e le piattaforme digitali, ciò che unisce anche i Musei più lontani, rafforzare il loro legame con le comunità e far scoprire la bellezza e l’efficacia di un racconto corale di un patrimonio unico e comune: le Dolomiti UNESCO.

Il progetto, realizzato con il contributo del Fondo Comuni confinanti nell’ambito del progetto “Valorizzazione del territorio attraverso azioni di gestione e comunicazione integrata del WHS Dolomiti UNESCO”, ha come obiettivo indagare quali pratiche e sinergie i musei del territorio possono attivare per promuovere, in rete, la ricchezza del patrimonio Dolomiti UNESCO. Il progetto ha preso avvio a Febbraio 2019 e ha visto un primo appuntamento il 7 Giugno con workshop che ha coinvolto gli operatori museali, mentre martedì 8 ottobre si terrà il secondo di un serie di incontri che proseguiranno fino a giugno 2020. Il filo conduttore degli appuntamenti è attivare nuove reti e sinergie tra gli attori culturali del territorio anche utilizzandoil digitale come volano per diffondere la ricchezza dei musei al di fuori dei propri confini fisici e geografici.

“Siamo molto soddisfatti della risposta dei musei del territorio” spiega Marcella Morandini, direttore della Fondazione. “Al primo evento hanno partecipato 25 operatori provenienti da 10 istituzioni, e tante sono state le manifestazioni di interesse da parte di musei, reti museali e centri visite dei Parchi. L’hashtag #DolomitesMuseum, lanciato il 7 giugno, ha già aggregato moltissimi post: un segno che il progetto ha risposto a una sensibilità già presente nelle istituzioni del territorio, che attraverso il digitale possono estendere la conoscenza del Patrimonio UNESCO anche una volta conclusa la visita fisica”.

E proprio sulle nuove opportunità offerte dagli strumenti e dalle filosofie digitali gli operatori museali saranno chiamati a confrontarsi nei due tavoli partecipativi che si svolgeranno durante la giornata: in particolare, su come utilizzare il web e i social network per comunicare il proprio patrimonio e su come coinvolgere le comunità in questo racconto. E lo faranno riflettendo sul contributo che ciascun museo può portare al racconto comune attorno a tre filoni tematici individuati dal progetto: il paesaggio geologico, ovvero la ricchezza che le Dolomiti nascondono sotto la superficie, raccontata nei musei dalle numerose collezioni di fossili, rocce e minerali; il paesaggio vissuto, che racconta come le Dolomiti abbiano modellato sulle loro pendenze modi unici di abitare, costruire, lavorare, divertirsi; il paesaggio interpretato, fondato sullo sguardo inedito che artisti, musicisti, fotografi, registi e poeti rivolgono al territorio reinterpretandolo e, così facendo, contribuendo a rigeneralo.

Ad avviare il confronto sulle tre tematiche, nella prima parte della mattinata, saranno Daniela Perco e Cristina Busatta del Museo Etnografico della Provincia di Belluno, Riccardo Tomasoni e Rosa Tapia del MUSE – Museo delle Scienze di Trento e del Museo Geologico delle Dolomiti di Predazzo, e Gianluca D’Incà Levis, ideatore di Dolomiti Contemporanee. Il Museo Etnografico della Provincia di Belluno, il MUSE – Museo delle Scienze di Trento e Dolomiti Contemporanee sono infatti i tre capofila tematici individuati dal progetto, che avranno il compito di rappresentare i tre filoni tematici e guidare la discussione attorno ad essi. A questi si aggiunge il museo virtuale del paesaggio DOLOM.IT, che offrirà un esempio di museo che ha accolto i principi delle piattaforme online – partecipazione e co-creazione – all’interno della sua offerta museale.

Al termine della giornata, verranno aperte le iscrizioni per i workshop, che porteranno i musei a co-progettare iniziative digitali che verranno lanciate, in collaborazione con le comunità del territorio, nella prossima primavera.

Scarica qui il programma della giornata formativa Musei delle Dolomiti

A02_MarchioFCC_RGBQuesta attività è inserita nel progetto “Valorizzazione del territorio attraverso azioni di gestione e comunicazione integrata del WHS Dolomiti UNESCO”, realizzato con il contributo del Fondo Comuni confinanti.

Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Il Sito utilizza cookie di prima parte, di sessione e persistenti, per fornirti i nostri servizi. Questi contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Il Sito utilizza inoltre cookie analitici di terza parte di Google Analytics per raccogliere informazioni sull’utilizzo del Sito da parte degli utenti (numero di visitatori, pagine visitate, tempo di permanenza sul sito ecc.). Gli indirizzi IP degli utenti sono raccolti e trattati in forma anonima e le impostazioni del servizio non prevedono la condivisione dei dati con Google. Per maggiori dettagli e informazioni è possibile visitare la pagina del fornitore https://support.google.com/analytics/answer/1011397. Puoi disabilitare in ogni caso i cookie di Google Analytics scaricando uno specifico plug-in del browser reperibile qui: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout.

Prima parte2

cm_cookie_dolomiti-patrimonio-mondiale-unesco

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore