Soci Fondatori

News | Musei delle Dolomiti, una grande rete di bellezza

Ricerca e Formazione
15 Gennaio 2020

Musei etnografici, geologici, musei d’arte e di scienza, ciascuno la tessera di un mosaico più grande: la storia, la cultura e il paesaggio delle Dolomiti UNESCO. Un Patrimonio che gli strumenti, le strategie e le nuove filosofie digitali possono rendere più vicino, più vitale e più partecipato, sia per i residenti e i visitatori, che per gli utenti del web. Questo è l’orizzonte di Musei delle Dolomiti, il progetto della Fondazione Dolomiti UNESCO, avviato nel febbraio 2019 e realizzato con il contributo del Fondo Comuni confinanti nell’ambito del progetto “Valorizzazione del territorio attraverso azioni di gestione e comunicazione integrata del WHS Dolomiti UNESCO”.

La grande rete di Bellezza… in un video

Durante l’estate è stato girato il video di presentazione del progetto, che rende evidente come i diversi ambiti che comprendono la ricchezza delle Dolomiti UNESCO, si valorizzino a vicenda se vengono raccontati assieme e se vengono identificati ognuno come parte di un patrimonio più grande. Un patrimonio senza eguali che, come il video racconta, ha lasciato molte tracce: a volte concrete come l’impronta di un dinosauro, a volte impalpabili come le sottili variazioni linguistiche che si rincorrono da una valle all’altra. Un racconto sfaccettato nel quale compare, innanzitutto, la relazione dell’uomo con il paesaggio: dalla cura dei boschi e dei pascoli (con il Museo Etnografico delle Regole d’Ampezzo), alle attività economiche più recenti come il turismo o l’occhialeria (con il Museo dell’Occhiale a Pieve di Cadore), fino aIla durezza della vita in montagna che comporta la necessità, talvolta, di abbandonarla (con il Museo Etnografico di Seravella). Il patrimonio custodito dai musei, però, è molto più antico, più antico dell’uomo stesso. Per questo il video accompagna alla scoperta del mare e dei coralli che ricoprivano le Dolomiti e dei grandi animali che le attraversavano (con il Museo Geologico delle Dolomiti di Predazzo, il MUSE e il Museo Vittorino Cazzetta di Selva di Cadore). Infine, è di nuovo l’uomo il protagonista del paesaggio, attraverso la sua capacità di raccontarlo in parole (con il Museum Ladin Ciastel de Tor) e di interpretarlo attraverso l’arte e le immagini (con le opere di Dolomiti Contemporanee al Forte di Monte Ricco e al Nuovo Spazio di Casso e con il LUMEN, il nuovo museo della fotografia di montagna di recente apertura).

I primi risultati e i prossimi passi

Finora il progetto si è sviluppato su due linee: incontrare i rappresentanti delle reti museali già attive sul territorio e fare in modo che operatori culturali, curatori e direttori di quelle stesse reti, sviluppino assieme iniziative di comunicazione digitale. Da febbraio a novembre 2019 queste due linee di sviluppo hanno coinvolto oltre 50 professionisti della cultura, nei territori che condividono il Patrimonio Mondiale. Tra i temi emersi: l’opportunità offerta dal web di sviluppare una narrazione corale, il compito di coinvolgere attivamente le persone nella cura e promozione del patrimonio culturale, l’importanza di utilizzare i social media per stimolare residenti e turisti a diventare ambasciatori del patrimonio dolomitico. Saranno queste le tematiche dei prossimi workshop che coinvolgeranno, da dicembre a giungo 2020, altri 40 operatori provenienti da 25 istituzioni museali delle Dolomiti nella co-progettazione di iniziative digitali.

 

A02_MarchioFCC_RGBQuesta attività è inserita nel progetto “Valorizzazione del territorio attraverso azioni di gestione e comunicazione integrata del WHS Dolomiti UNESCO”, realizzato con il contributo del Fondo Comuni confinanti.

Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Il Sito utilizza cookie di prima parte, di sessione e persistenti, per fornirti i nostri servizi. Questi contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Il Sito utilizza inoltre cookie analitici di terza parte di Google Analytics per raccogliere informazioni sull’utilizzo del Sito da parte degli utenti (numero di visitatori, pagine visitate, tempo di permanenza sul sito ecc.). Gli indirizzi IP degli utenti sono raccolti e trattati in forma anonima e le impostazioni del servizio non prevedono la condivisione dei dati con Google. Per maggiori dettagli e informazioni è possibile visitare la pagina del fornitore https://support.google.com/analytics/answer/1011397. Puoi disabilitare in ogni caso i cookie di Google Analytics scaricando uno specifico plug-in del browser reperibile qui: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout.

Prima parte2

cm_cookie_dolomiti-patrimonio-mondiale-unesco

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore