Soci Fondatori

News | Tre anni di lavoro dei #DolomitesMuseum confluiscono in “Officina di Storie”

World Heritage
31 Marzo 2022

I #DOLOMITESMUSEUM SI RACCONTANO
SU “OFFICINA DI STORIE”:

SCOPRI LE NOVITA’

12 gallerie tematiche sulla piattaforma MuseoDolom.it coronano il progetto #DolomitesMuseum – ‘Musei delle Dolomiti’ sostenuto dalla Fondazione Dolomiti UNESCO con più di 50 Istituzioni e decine di operatori culturali coinvolti sul territorio. I musei si sentono più forti e più capaci di raggiungere le persone grazie al digitale. Tra le proposte per il futuro: percorsi con le scuole e con gli operatori turistici.

12 nuove gallerie tematiche appena pubblicate raccontano natura, cultura e eredità storica delle Dolomiti Patrimonio Mondiale. Un racconto che nasce partecipato grazie alla co-creazione online che ha visto dialogare appassionati in rete e operatori museali sia sui social network che nello spazio digitale condiviso Officina di Storie su MuseoDolom.it.

In tutto, dopo tre anni di lavoro, 50 operatori museali coinvolti e oltre 2000 contenuti digitali raccolti e curati online, il progetto ‘Musei delle Dolomiti’ promosso dalla Fondazione Dolomiti UNESCO ha portato alla creazione di 12 gallerie tematiche in italiano, inglese e tedesco che spaziano dalla natura alla geologia, dalla cultura dolomitica allo sport, dai fossili alle soluzioni abitative in pendenza fino al grande ruolo avuto dalle donne nei secoli.

“Il progetto ‘Musei delle Dolomiti’ ha avuto il merito di unire le energie di più di 50 musei e istituzioni culturali. Grazie ad attività di formazione mirate, curatela digitale, e campagne online abilmente coordinate, questi musei hanno colto l’opportunità che il digitale offre ai territori per raccontare, riscoprire e promuovere il loro territorio” ha spiegato Mara Nemela, Direttrice della Fondazione Dolomiti UNESCO.

“Il digitale ha fatto di tante piccole collezioni una grande collezione condivisa, in cui ogni parte diventava più bella per la presenza delle altre – spiegano i coordinatori del progetto e fondatori di MuseoDolom.it Stefania Zardini Lacedelli e Giacomo Pompanin -. Ma non solo; la natura partecipativa degli strumenti online ha rafforzato il legame tra le persone e musei, spingendo appassionati e utenti a condividere memorie di famiglia, ricordi e nuove interpretazioni. Il rapporto con il proprio patrimonio esce trasformato quando si ha la possibilità di raccontarlo. Dopo tre anni di attività in rete il legame tra persone e musei è più forte e la creatività e fiducia degli operatori culturali ne risulta arricchita”.

Entusiasmo; innovazione; curiosità; apprendimento; un nuovo, più effervescente ruolo dei Musei e la soddisfazione per il rapporto reciproco tra le istituzioni culturali: ecco quali sono le parole e gli elementi chiavi emersi dal sondaggio inviato a tutti gli operatori che hanno partecipato a questi tre anni di #DolomitesMuseum.

“Officina di Storie è Amore per il territorio con la A maiuscola” ha scritto, per esempio, l’Associazione Longarone Vajont, Attimi di Storia; ha permesso di “raccogliere patrimoni che altrimenti andrebbero persi” dicono dal Museo Albino Luciani; “è un archivio, ma non nel senso classico, ma in un nuovo senso di ricordo e trampolino di scoperta di nuovi posti, nuovi eventi, nuovi modi, nuove persone tutti interessantissimi”; fa eco il Museo dell’Orologeria di Pesariis. Ragioni che portano il Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina a concludere: “Bisogna avvicinare sempre di più le comunità e i visitatori a questo museo virtuale”.

Anche per questo, tra i desideri degli operatori quello di utilizzare le 12 gallerie e la nuova capacità di raccontarle per creare percorsi e interazioni con le scuole e con chi opera nel campo del turismo.

“I musei – conclude Mara Nemela – hanno sperimentato che la propria collezione può essere parte di un patrimonio più ampio: una porta di accesso culturale e turistica per scoprire il territorio e valorizzare gli elementi alla base del riconoscimento UNESCO delle Dolomiti”.

Tra le gallerie più innovative create in quest’ultimo anno è la raccolta Donne DoloMitiche – dedicata al lavoro, all’intraprendenza e al coraggio delle donne di montagna, colonna portante della famiglia e pioniere di innovazione – e Voci della montagna, la galleria che immerge il visitatore nei tanti patrimoni sonori delle Dolomiti: dai suoni dei boschi, degli animali e del lavoro passando per la ricchezza linguistica delle storie, delle filastrocche per i bambini e dei canti spontanei attorno al focolare.

PER APPROFONDIRE:

Esplora le gallerie di Officina di Storie:

La pendenza aguzza l’ingegno! Scopri le soluzioni adottate nel corso dei secoli dalle popolazioni di montagna per fare del dislivello la propria casa.

Dura e friabile, antica e sempre in movimento, la roccia è la materia prima del paesaggio dolomitico. Di pietra sono le case e i fossili che racchiudono la storia della terra.

Quante voci hanno le Dolomiti? Le voci della montagna sono i suoni del bosco, i versi degli animali, le lingue… Ma forse è più facile se entrate a scoprirle qui.

Una volta erano atolli circondati da un mare tropicale, poi con i primi insediamenti umani. L’uomo così ha continuato a modificare il paesaggio che lo circonda per sopravvivere beneficiando delle sue risorse.

Le donne hanno sempre avuto un ruolo centrale ed eterogeneo nelle Dolomiti: dal sostentamento della famiglia alla scoperta delle vette, guidate dalla curiosità che cerca nuove risposte per il presente e il futuro

Un viaggio nei secoli di pratiche religiose, festività, miti e memorie storiche che si sono depositati nell’immaginario dolomitico.

Oltre le vette, oltre i pascoli e i pinnacoli si estendono valli e culture. I passi sono la chiave della scoperta e questa è la loro storia sulle Dolomiti.

Oggi l’economia di intere vallate dolomitiche dipende dallo sport: una dimensione che unisce passione, salute e tantissime storie di piccole e grandi imprese.

La montagna è il luogo del cammino e del racconto. Anche quando percorriamo lo stesso sentiero, l’esperienza è ogni volta diversa, colorata dalle parole o dai silenzi, dalle storie di chi è passato e dalle leggende.

Luogo a cui si arriva e si ritorna, capace di accogliere abitanti vecchi e nuovi. Partiamo dalle storie di chi le ha lasciate per emigrare altrove e arriviamo a quelle di chi ha deciso di restare o tornare nelle sue Dolomiti.

Quanti tempi esistono in montagna? C’è il tempo dei sentieri, quello dell’erba che cresce, della fatica di chi pascolava ad alta quota. Voi, quale tempo siete? Fermatevi a scoprirlo

Ph. Museo Ladin de Fascia

A02_MarchioFCC_RGBQuesta attività è inserita nel progetto “Valorizzazione del territorio attraverso azioni di gestione e comunicazione integrata del WHS Dolomiti UNESCO”, realizzato con il contributo del Fondo Comuni confinanti.

Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Il Sito utilizza cookie di prima parte, di sessione e persistenti, per fornirti i nostri servizi. Questi contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Il Sito utilizza inoltre cookie analitici di terza parte di Google Analytics per raccogliere informazioni sull’utilizzo del Sito da parte degli utenti (numero di visitatori, pagine visitate, tempo di permanenza sul sito ecc.). Gli indirizzi IP degli utenti sono raccolti e trattati in forma anonima e le impostazioni del servizio non prevedono la condivisione dei dati con Google. Per maggiori dettagli e informazioni è possibile visitare la pagina del fornitore https://support.google.com/analytics/answer/1011397. Puoi disabilitare in ogni caso i cookie di Google Analytics scaricando uno specifico plug-in del browser reperibile qui: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout.

Prima parte2

cm_cookie_dolomiti-patrimonio-mondiale-unesco

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore