Soci Fondatori

News | Solidarietà al popolo ucraino: il Patrimonio Mondiale promuove la pace e la comprensione fra le nazioni

1080px-Говерла_з_Кукула World Heritage
2 Marzo 2022

COMUNICATO STAMPA
ASSOCIAZIONE BENI ITALIANI PATRIMONIO MONDIALE 

SOLIDARIETA’ AL POPOLO UCRAINO

IL PATRIMONIO MONDIALE PROMUOVE LA PACE
E LA COMPRENSIONE TRA LE NAZIONI

Fra pochi mesi, si celebreranno i 50 anni della Convenzione del Patrimonio Mondiale, ratificata a Parigi, il 16 novembre 1972: essa è stata ed è ancora oggi il primo strumento internazionale ufficiale che riunisce le nozioni di protezione della natura e di preservazione dei beni culturali e li riconosce come elementi necessari e fondamentali per lo sviluppo delle società di tutto il pianeta e per il mantenimento della pace e della solidarietà.

La conoscenza è considerata uno strumento di prevenzione delle tragedie, il sapere un incentivo dell’interscambio tra i popoli. Alla luce del terribile attacco portato dalle forze armate Russe all’Ucraina, è nata in seno all’Associazione Beni Italiani Patrimonio Mondiale la necessità di una riflessione e di una presa di posizione rispetto a quanto sta accadendo.

“Come Presidente dell’Associazione Beni Italiani Patrimonio Mondiale, che tra i suoi principi fondanti ha la promozione e la diffusione dei valori della pace, esprimo a nome mio e di tutti i membri, tutta la nostra solidarietà al popolo ucraino e a tutti quei cittadini ucraini attualmente in Italia che stanno guardando con dolore e angoscia le immagini provenienti dalla propria terra di origine – ha dichiarato Alessio Pascucci – ad oltre 100 anni dalla Prima Guerra Mondiale, in Europa tornano ad esplodere le bombe, gli eserciti tornano ad invadere i confini di altri Stati. Ascoltare le testimonianze di chi è costretto a fuggire, abbandonando le proprie case, la propria quotidianità, è una ferita profonda nel cuore dell’Europa e della Democrazia. Davanti a tutto questo, nessuno può voltarsi indietro, nessuno può rimanere inerme, soprattutto chi rappresenta le Istituzioni. Come Sindaco di Cerveteri, quindi, seppur si tratti di un gesto simbolico, ho voluto che il Granarone della nostra città fosse illuminato con i colori della bandiera ucraina, il blu e il giallo. Un piccolo segno di vicinanza umana e istituzionale ad una nazione sotto assedio dei carri armati russi”.

L’auspicio di tutti i membri dell’Associazione, del Segretariato e di tutte le Istituzioni con essa rappresentate è che si trovi quanto prima una risoluzione al conflitto e cessi l’azione di distruzione e morte alla quale stiamo assistendo.

La foto di copertina che abbiamo scelto è a rappresentanza del Patrimonio Mondiale ‘Antiche faggete primordiali dei Carpazi e di altre regioni d’Europa’, prestigioso riconoscimento che l’Ucraina condivide con Italia, Albania, Austria, Belgio, Bosnia ed Erzegovina, Bulgaria, Croazia, Francia, Germania, Macedonia del Nord, Polonia, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna e Svizzera.

Ph. Robert-Erik
Hoverla, Carpathian National Nature Park,
Ivano-Frankivsk Oblast,
Ukraine 

Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Il Sito utilizza cookie di prima parte, di sessione e persistenti, per fornirti i nostri servizi. Questi contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Il Sito utilizza inoltre cookie analitici di terza parte di Google Analytics per raccogliere informazioni sull’utilizzo del Sito da parte degli utenti (numero di visitatori, pagine visitate, tempo di permanenza sul sito ecc.). Gli indirizzi IP degli utenti sono raccolti e trattati in forma anonima e le impostazioni del servizio non prevedono la condivisione dei dati con Google. Per maggiori dettagli e informazioni è possibile visitare la pagina del fornitore https://support.google.com/analytics/answer/1011397. Puoi disabilitare in ogni caso i cookie di Google Analytics scaricando uno specifico plug-in del browser reperibile qui: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout.

Prima parte2

cm_cookie_dolomiti-patrimonio-mondiale-unesco

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore